L’opera di Cesare Pavese continua a sedurre generazioni di lettori. Ultimamente si sono “riscoperti” i Dialoghi con Leucò come uno dei massimi capolavori del Novecento italiano. Ma talvolta si è messo in ombra l’arido vero pavesiano rispetto all’immaginario di Una questione privata o del Sentiero dei nidi di ragno; oppure si è ritenuto difficile inserire la poesia di Lavorare stanca nella tradizione del Novecento. Ma i Racconti? Se ne è parlato forse troppo poco. Tra Feria d’agosto, gli slanci giovanili e i testi dispersi abbiamo delle meravigliose e allarmanti efflorescenze di uno scrittore tutt’altro che monotono, anzi, traboccante di idee. La ferocia, lo scavo psicologico e il pathos represso, tali e altri sono elementi che pullulano in questi testi. Ecco il motivo della nostra silloge: riteniamo che il pubblico possa stupirsi ed entusiasmarsi a scrutare da vicino questo Pavese più insolito e attuale di quanto non si immagini.


Introduzione e cura di: Roberto Gigliucci
3. AnteLitteram
letteratura italiana
ISBN: 978-88-9295-311-6
Data di pubblicazione: nov 2021
N° di pagine: 232
Formato: 11,5 x 16,5 cm

    15,20 € - 5%
    15.200000000000001 EUR

    Aggiungi al carrello
    3. AnteLitteram
    letteratura italiana
    ISBN: 978-88-9295-407-6
    Data di pubblicazione: nov 2021
    Formato Digitale: ePub

      7,60 € - 5%
      7.6000000000000005 EUR

      Aggiungi al carrello