Vittorio Emiliani

Vittorio Emiliani è un giornalista, scrittore, saggista e politico. Ha collaborato con varie testate tra le quali «Il Mondo», «L'Espresso», «Il Giorno, «Il Messaggero» (di cui è stato anche direttore dal 1981 al 1987), «Il Secolo XIX», «L’Unità». Eletto deputato nel 1994 nelle file del partito socialista è stato successivamente militante nella federazione laburista. È stato consigliere del CdA della Rai, membro del CdA dell’Accademia di Santa Cecilia e presidente della Fondazione Rossini di Pesaro dal 1990 al 1995. Sottoscrittore nel 2014 dell’appello No CAV per la salvaguardia delle cave di marmo di Carrara sulle Alpi Apuane. Autore di vari saggi e inchieste tra cui: Sessant’anni di elezioni in una città padana (1966), Gli anarchici (1973), I tre Mussolini e Benedetti maledetti socialisti (1997), Affondate la Rai. Viale Mazzini prima e dopo Berlusconi (2002); Lo sfascio del bel paese. Beni culturali e paesaggio da Berlusconi a Renzi (2017); Roma capitale malamata (2018).