Luca Bindi

Luca Bindi, è professore di mineralogia e cristallografia all’Università di Firenze, dove è direttore del Dipartimento di Scienze della Terra. Ricercatore all’Istituto di Geoscienze e Georisorse del CNR, la sua intensa attività di ricerca, condensata in oltre 300 pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali, è rivolta principalmente a studi cristallografico-strutturali, integrando la mineralogia con i settori più avanzati della cristallografia. La sua scoperta dei quasicristalli naturali (pubblicata su «Science» nel 2009) ha avuto un'incredibile risonanza nella comunità scientifica internazionale, coinvolgendo le scienze della terra, fisiche, chimiche e dei materiali. La sua attività di ricerca lo ha portato a ricevere numerosi premi e riconoscimenti scientifici internazionali, tra cui il Premio Presidente della Repubblica 2015 per le Scienze Fisiche, Matematiche e Naturali dell’Accademia Nazionale dei Lincei e il Premio Aspen 2018. Due lavori riferiti alla scoperta del primo quasicristallo naturale sono stati citati dalla Royal Swedish Academy of Sciences per l’assegnazione del premio Nobel per la Chimica 2011. Ha numerose collaborazioni internazionali, tra cui Princeton University, Harvard University e California Institute of Technology. Per onorare il suo contributo alle scienze mineralogiche e planetarie, la comunità gli ha dedicato nel 2011 un minerale (lucabindiite) e nel 2018 un pianeta (Bindiluca = 2000 DG). È fellow di prestigiose associazioni internazionali, tra cui la Mineralogical Society of America, e socio dell’Accademia dei Lincei.

I libri di Luca Bindi