Biblioteca di Sofia


“…quando eravamo più giovani, ragazzine, … si leggeva ad alta voce per rimanere più uniti e per apprender meglio la lingua.”

Queste le parole usate da Maria Luisa Muscatello, la donna che ha donato all’Associazione Orlando di Bologna la sua libreria di bambina e ragazza, dando vita così alla “Biblioteca di Sofia” – un fondo ora conservato presso la Biblioteca italiana delle Donne. L’importanza della lettura nella formazione è il focus di questa collezione, che dal nucleo originario di testi di fine Ottocento e primi del Novecento, si è andata arricchendo con volumi più contemporanei.

La collana Biblioteca di Sofia parte da questa idea, riprendendo il progetto originario e sviluppandolo in una duplice direzione: da un lato realizzando volumi volti a ricostruire storicamente l’immaginario infantile delle bambine, così come si è stratificato nel tempo, passando dai testi fantastici alle pubblicazioni precettistiche e normative destinate all’educazione del femminile; dall’altro, indagando la pedagogia del fantastico per individuare percorsi didattici possibili dalla scuola dell’infanzia alla scuola media.

La collana ospita riproduzioni anastatiche e saggi critici che abbiamo al centro l’idea della lettura e dell’indagine della letteratura per le bambine e le ragazze in chiave di educazione alle differenze e alla cittadinanza.

Biblioteca di Sofia è una serie peer-reviewed; tutti i testi sono sottoposti a processi di revisione anonima fra pari che ne assicurano la conformità ai più alti livelli qualitativi del settore.